SEMINARIO DIDATTICO AD ALESSANDRIA “CONOSCERE E TRATTARE IL MUTISMO SELETTIVO”

Sabato 20 gennaio si è svolto presso la scuola “Casa Angelo Custode” di Alessandria un seminario sulla tematica del mutismo selettivo organizzato da A.I.Mu.Se.

La partecipazione è stata straordinaria, la sala gremita di genitori, insegnanti, ma anche specialisti, medici e psicologi, a testimoniare quanto sia forte la necessità non solo di informarsi e di capire, ma anche di “entrare” nel mondo del mutismo selettivo.
Ci hanno introdotto in questo mondo le parole della direttrice della scuola, suor Gianna Guido, che ha ricordato la necessità di continuo aggiornamento e autoaggiornamento sia per i genitori che per i docenti, perché solo con una costruttiva sinergia si può vincere e superare ogni ostacolo.

La mattinata è iniziata con la testimonianza preziosa e illuminante della Presidente A.I.Mu.Se. Elisa Marchio, che ci ha mostrato come la sua esperienza, difficile, dolorosa, ma “a lieto fine” si sia trasformata e sia stata messa a disposizione come impegno e vicinanza a tutto tondo alle famiglie attraverso le numerose attività dell’associazione.

La psicologa e psicoterapeuta dr.ssa Ilaria Ambrosino ci ha invece spiegato con chiarezza ed esaustività quali sono i criteri diagnostici e le caratteristiche del bambino con mutismo selettivo e delle famiglie. La dr.ssa Paola Ghio, psicologa e psicoterapeuta, ha fornito numerosi spunti di riflessione sui pensieri, sulle emozioni e sugli atteggiamenti che occorre coltivare ed esercitare come genitori, insegnanti o terapeuti, quando si ha a che fare con un bimbo muto selettivo, a partire da alcune parole chiave come accettazione, benevolenza, pazienza, speranza, fiducia
A concludere gli interventi degli specialisti, la dr.ssa Emanuela Iacchia, psicologa, psicoterapeuta, esperta a livello nazionale di mutismo selettivo, ha illustrato come favorire l’apertura dei bimbi muto selettivi a scuola ma anche in tutti gli altri contesti sociali, attraverso strategie ed interventi innovativi, tra cui ricordiamo le “vacanzine”, cioè i soggiorni terapeutici residenziali che si svolgono con le famiglie di bambini o con adolescenti con mutismo selettivo.

Emozionante ed intenso è stato infine il racconto di una mamma – Giusy che ci ha condotto, a partire dai primi momenti di spaesamento e paura all’esordio del disturbo, attraverso la messa in atto di risorse interiori, interpersonali e terapeutiche fondamentali, fino alla risoluzione delle difficoltà, quando le parole della sua bimba non sono più rimaste bloccate in gola e le paure si sono sciolte.

Possiamo dire che la mattinata ci ha regalato tante emozioni, tanti spunti e strumenti, e soprattutto tanta fiducia nel fatto che le paure possono essere affrontate anche con il sorriso, non solo dai bambini e ragazzi con mutismo ma prima di tutto dagli adulti che a vario titolo si occupano di loro.

Catanzaro: è andata alla grande!

La ripresa di settembre in Calabria è iniziata sotto i migliori auspici.

Il primo seminario dopo la pausa estiva ha contato il tutto esaurito, con la partecipazione attenta e partecipe degli insegnanti di infanzia, primaria e medie, dell’Istituto Comprensivo Casalinuovo di Catanzaro Sud.

La sala gremita è rimasta concentrata e coinvolta dai professionisti che si sono avvicendati: Dr.ssa Paola Ancarani, Dr.ssa Sonia Falcone e Dr.ssa Elisa Dragone, tutte e tre dedite ad offrire ai presenti le migliori prospettive per riconoscere ed intervenire nei casi di mutismo selettivo.

Numerosi gli interventi dei presenti, ricchi di riflessioni, domande, testimonianze e autocritica.

E’ sempre bello constatare quanto sia arricchente e stimolante l’unione positiva e generosa di menti e cuori orientati verso il bene di chi è più in difficoltà.

Sul sito della scuola ospite è stata cura immediata degli organizzatori testimoniare il gradimento e l’utilità del seminario proposto. Per chi desidera leggere ecco il modo: http://www.iccasilinuovocatanzarosud.gov.it/

Alla prossima.

 

“Il silenzio e le parole” una giornata di sensibilizzazione sul mutismo selettivo tra pittura, illustrazioni, laboratori e seminario in provincia di Bergamo

Si è svolta sabato 3 giugno a Bottanuco (BG) una giornata di sensibilizzazione sul mutismo selettivo intitolata: “Il silenzio e le parole. Un viaggio nel mutismo selettivo tra scrittura ed immagini” organizzata con la collaborazione di A.I.Mu.Se e di Mamme del mondo dell’Isola, con il patrocinio del Comune.
L’incontro si è aperto al mattino con un coloratissimo laboratorio pittorico-espressivo di creatività condotto dall’artista Maite Damone, nel quale un gruppo di bambini di varie età ha lavorato ispirandosi ad alcune parole significative ed evocative (gioia, sguardo, paura, amore, coraggio…) e creato un grande cartellone multicolore a tempo di musica. I bambini hanno poi realizzato dei piccoli quadri – all’interno di cornici di varie dimensioni – con i gessi colorati.

L’incontro è continuato nel pomeriggio, nel grande Auditorium dove è stata allestita la mostra di illustrazioni di Maite, nate dal libro di Daniela Conti e Marina M “Ti hanno mangiato la lingua?”
e si è tenuto un seminario sul mutismo selettivo. Hanno partecipato Elisa Marchio, Presidente A.I.Mu.Se che ha introdotto il mutismo selettivo e presentato l’Associazione; la Dott.ssa Emanuela Iacchia, psicologa psicoterapeuta, membro del comitato scientifico A.I.Mu.Se che ha approfondito il tema di come affrontare il mutismo selettivo a scuola e a casa, focalizzando l’attenzione anche sui casi di bambini immigrati bilingue. Daniela Conti e Marina M. hanno presentato il loro libro e raccontato l’esperienza dal silenzio alle parole. Marina, undicenne ex muta selettiva, ha raccontato la sua storia e i suoi progetti.
Sandra Quiroz Oré, mediatore umanistico e presidente dell’associazione Mamme del mondo dell’Isola, ha concluso parlando del personale percorso di crescita e della vita scolastica della figlia muto selettiva.

Nella mostra di illustrazioni, sono stati esposti anche i lavori svolti dai bambini durante la mattinata.

La nota più bella della giornata? Complice l’atmosfera giocosa del pomeriggio, le ragazzine muto selettive hanno iniziato a chiacchierare tra loro tranquillamente!